Fabrizio De André

Principe libero

SOGGETTO di Francesca Serafini, Giordano Meacci, Luca Facchini

SCENEGGIATURA di Francesca Serafini e Giordano Meacci (con la collaborazione di Luca Facchini)

In Sardegna, com’è noto, Fabrizio De André e la sua compagna, la cantante Dori Ghezzi, subirono un sequestro. Da questo accadimento parte il film che ricostruisce la biografia del cantante in un lungo flashback: i primi anni nella scuola dei gesuiti dove Fabrizio si avvicina alla vita dei poveri, dei reietti, degli ultimi, dei diversi; la prima adolescenza trascorsa nei carruggi di Genova tra prostitute amiche e pervasa da un’irrefrenabile voglia di libertà ribelle; il rapporto tortuoso col padre, un imprenditore che tenta di deviarlo verso una carriera rispettabile ma gli acquista una chitarra; l’apprendistato e il contatto creativo con personaggi come Paolo Villaggio e Luigi Tenco; il grande amore per Dori; le prime timide esibizioni dal vivo; l’anticonformismo e la censura dei discografici e la ricerca di libertà artistica, libertà dalle convenzioni, dalle costrizioni, dalle regole non autoimposte, dalle ottusità, dalle ossessioni, dalle insicurezze, libertà da se stesso e di essere diverso.

Tipologia

Lungometraggio, genere biografico (193′)

Produzione

Rai Fiction, Bibi Film

Bibi Film SITO

Nexodigital SITO

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

clear formSubmit