Il signor Rotpeter

SOGGETTO E SCENEGGIATURA di Antonietta De Lillo e Marcello Garofalo (liberamente tratto dal racconto “Una relazione per un’Accademia” di Kafka e frutto di un adattamento teatrale della stessa opera)

Nella odierna Napoli il signor Rotpeter racconta la sua vicenda mirabolante e paradigmatica: era una scimmia, vittima di sevizie e segregazione, con una grande fame di libertà, disposta a soffocare il suo istinto per adattarsi alla collettività umana. Si è adoperata così a questo scopo, imitando gli uomini in modo da elaborare un linguaggio e un pensiero. Però l’agognata via di fuga, si dimostra una integrazione che non paga, che consente solo di restare a galla in una comunità indifferente ed omologata. Rotpeter forse non è unicamente una ex scimmia mossa da frustrazione e da un miraggio di libertà… E’ l’incarnazione della condizione umana snaturante in una società che pare necessaria ma non piace, è il riflesso di noi tutti che, costretti a integrarci, ci siamo sottoposti a regole del potere economico limitanti e livellanti, abbiamo ceduto, per questo posticino scomodo, le nostre umanità libertà personalità; la storia di Rotpeter è l’allegoria delle storie di ognuno di noi, il suo ritratto un autoritratto. Ora il protagonista vuol lottare pure per gli altri.

Tipologia

Mediometraggio, grottesco (37′)

Produzione

Marechiaro Film

Marechiaro sito

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

clear formSubmit