Io sono tempesta

SOGGETTO E SCENEGGIATURA DI  Daniele Luchetti, Sandro Petraglia e Giulia Calenda

Numa Tempesta di pomposo non ha solo il nome: è un affabile faccendiere anaffettivo e un manipolatore impenitente; gestisce fondi miliardari e si gode la piscina sulla terrazza del suo sfarzoso hotel dove vive solo. Unico neo, il rapporto turbolento col padre che lo rende insonne. Una vecchia condanna per frode fiscale costringe improvvisamente Tempesta ad accettare un accordo: per non finire in prigione deve prestare un anno di servizio in un centro d’accoglienza. Si ritrova quindi a pulire le latrine e assistere un gruppetto di ultimi, tenuti peraltro a fare rapporto sulla sua condotta. Qui conosce Bruno, che con la crisi ha perduto tutto tranne il figlio, e pare che un’amicizia salvifica sia nata… In fondo il paperone senza scrupoli non è tanto dissimile dai bisognosi che non sono immuni da arrivismo, guitteria morale, corruttibilità, sottomissione a mammona e altre italiche pecche radicate: l’unica differenza tra Bruno e Tempesta è che non hanno avuto le stesse occasioni. Ma se ai senzatetto si prospetta un’occasione di riscatto cosa sarà dei loro valori, affetti, dignità?

Tipologia

Lungometraggio, tragicommedia (97′)

Produzione

Cattleya, Rai Cinema

Repubblica sito, Cattleya sito, Distribution sito, Rai sito 1, Rai sito 2

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

clear formSubmit