Scrittori a festival variWriters

Venti volte Rainbow

La WGI è nata con l’intento di valorizzare la professione degli sceneggiatori. La sezione SCRITTO DA, sotto l’egida di WRITTEN BY, la prestigiosa rivista della WGAw, tenta di supplire alla grande disattenzione con cui gli scrittori di cinema, tv, e web vengono penalizzati  dagli organi di informazione.
Giovedì 12 novembre 2015, all’interno del Roma Fiction Fest, si è tenuta una masterclass con Iginio Straffi.

Le masterclass del RFF sono condotte in forma di intervista, le domande vengono poste prima dal conduttore e poi dal pubblico.

Vinicio Canton ha seguito la masterclass di Iginio Straffi per la Writers Guild Italia.

Il 12 Novembre nell’ambito delle Masterclass del Roma Fiction Fest è stato invitato a incontrare pubblico e addetti ai lavori Iginio Straffi, fondatore e presidente di Rainbow, il più grande studio di animazione in Europa. E ci ha raccontato come è riuscito ad arrivare a questo risultato.

Non si è parlato di sceneggiatura in senso stretto, né di costruzione delle serie animate, ma l’incontro ha comunque evidenziato elementi interessanti per lo sviluppo dell’industria audiovisiva.

L’inizio della conferenza è stato piuttosto istituzionale, con la presentazione di video e slide marketing oriented, che hanno mostrato come dall’anno della sua fondazione – il 1995 – Rainbow sia costantemente cresciuta fino ad arrivare alle dimensioni attuali di gruppo intercontinentale, con tanto di parchi a tema, grazie al successo dei personaggi più famosi creati da Straffi: le Winx.

La parte interessante dell’incontro, però, è arrivata dopo, quando Straffi ha descritto il percorso di crescita del suo piccolo studio marchigiano.

Le Winx sono solo una tappa del percorso, l’ultima e più eclatante, ma arrivano dieci anni dopo la nascita di Rainbow: che cosa hanno fatto Straffi e I suoi collaboratori nel frattempo? Hanno prodotto. Personaggi, storie, idee, reinvenstendo buona parte degli incassi dei primi tentativi nell’azienda.

Quando RAI ha stanziato un budget per l’animazione, Rainbow era pronta a cogliere l’occasione e grazie alla sinergia tra gli investimenti economici del broadcaster e quelli creativi e professionali della casa di produzione sono stati sviluppati diversi progetti.

In sintesi, la scelta di concentrare l’attenzione – e gli investimenti – su un genere poco frequentato nel nostro paese ha prodotto un successo planetario.

Il futuro si chiama Netflix. La piattaforma di distribuzione appena sbarcata in Italia ha chiesto a Rainbow di sviluppare una serie di animazione originale, basata sempre sui personaggi delle Winx, che per l’occasione sono stati completamente rinnovati.

Vinicio Canton

Roma Fiction Fest – Writers Guild Italia (WGI) incontra gli sceneggiatori presenti con le loro opere alla 9. edizione (11-15 novembre 2015).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post